Corte Ue, gli apolidi palestinesi ottengono lo status di rifugiati se la protezione da parte dell'UNRWA decade

Giu 13, 2024 - 15:17
 0  35
Corte Ue, gli apolidi palestinesi ottengono lo status di rifugiati se la protezione da parte dell'UNRWA decade

Secondo la Corte di Giustizia dell’Unione europea, gli apolidi di origine palestinese registrati presso l’UNRWA, l’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei profughi palestinesi nel vicino oriente, devono ottenere lo status di rifugiato se la protezione o l’assistenza dell’UNRWA è considerata come cessata. La risposta arriva in seguito a una richiesta di interpretazione da parte di un giudice bulgaro della direttiva “procedure”, sulla portata dell’esame nel merito di una domanda reiterata, e della direttiva “qualifiche”, secondo cui le persone registrate presso l’UNRWA sono, di norma, escluse dallo status di rifugiato nell’Unione europea. I fatti risalgono al luglio 2018, quando una madre e sua figlia minorenne, entrambe apolidi di origine palestinese, hanno lasciato la città di Gaza e hanno raggiunto illegalmente la Bulgaria. La loro prima domanda di protezione internazionale presso le autorità bulgare è stata respinta in via definitiva con la motivazione che esse non avevano dimostrato di aver lasciato la Striscia di Gaza per il fondato timore di essere perseguitate. Esse hanno presentato quindi una seconda domanda, detta «reiterata», facendo valere la loro registrazione presso l’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA). Esse chiedono il riconoscimento dello status di rifugiato a seguito della cessazione, di fatto, della protezione dell’UNRWA nei loro confronti. Anche la domanda reiterata è stata respinta, perché le interessate avrebbero rinunciato all’assistenza dell’UNRWA lasciando volontariamente la sua zona operativa.

Qual è la tua reazione a questa notizia?

like

dislike

love

funny

angry

sad

wow